BONUS MOBILI 2018

CONFERMATI GLI INCENTIVI STATALI PER CHI RISTRUTTURA CASA NEL 2018, TRA QUESTI ANCHE IL BONUS MOBILI CON DETRAZIONE DEL 50% DELLA SPESA

 

Prorogata a tutto il 2018 l’agevolazione fiscale che permette a chi sta ristrutturando casa o ha intenzione di ristrutturarla di usufruire di una detrazione Irpef in 10 anni del 50% su una spesa massima di 10.000 euro. Tra gli interventi per i quali è prevista la detrazione fiscale anche l’acquisto di mobili nuovi, denominato “Bonus Mobili”.

 

Grazie a questa agevolazione l’acquisto di un divano o di un altro oggetto di arredamento diventa particolarmente conveniente: il 50% di uno scontrino Divani&Divani by Natuzzi viene rimborsato, anche se i prodotti sono stati acquistati con un’offerta promozionale che ne ha già ridotto il prezzo!

 

CHE COS’E’ IL BONUS MOBILI

Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro. Per usufruire dell’agevolazione è necessario che la data di inizio lavori sia anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. L’acquisto di mobili è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

 

TIPOLOGIE DI MOBILI ACQUISTABILI

A titolo esemplificativo, rientrano tra i mobili agevolabili letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi e gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. Non sono agevolabili, invece, gli acquisti di porte, di pavimentazioni (ad esempio, il parquet), di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo.

 

ADEMPIMENTI

Per avere la detrazione occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. La detrazione è ammessa anche se i beni sono stati acquistati con un finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento.

 

I documenti da conservare sono l’attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente) e le fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.

Cerca un negozio

Cerca il negozio più vicino a te. I nostri esperti sono a tua disposizione per rispondere alle tue esigenze di comfort e stile.

Richiedi informazioni

* campi obbligatori

Accetto Termini e Condizioni e Informativa Privacy

Oggetto: Informativa ai sensi dell’art. 13 Decreto Legislativo n 196 del 2003. Ai sensi dell'articolo 13 del Decreto Legislativo 196 del 2003 (di seguito Codice privacy), Natuzzi S.p.A., con sede legale in Via Iazzitiello, 47 - Santeramo in Colle (BA) e sede amministrativa in Via Iazzitiello, 47 - Santeramo in Colle (BA), Titolare del trattamento, La informa che il trattamento dei Suoi dati personali, realizzato con strumenti manuali e automatizzati, è effettuato: a. per dar seguito alle sue richieste b. per l’invio delle newsletter Il conferimento dei dati è facoltativo, ma in sua mancanza non potremmo perseguire le suddette finalità. I dati non saranno né comunicati né diffusi. Il Responsabile della Direzione Commerciale e gli incaricati che operano in essa potranno venire a conoscenza dei suoi dati personali esclusivamente per le finalità su menzionate. Il Responsabile del trattamento è la Protection Trade S.r.l. con sede legale in Via Giorgio Morandi - 22, Itri (LT), l’elenco degli altri responsabili può essere richiesto scrivendo al seguente indirizzo email: natuzzi@protectiontrade.it. La informiamo, infine, che potrà esercitare, i diritti contemplati dall'art. 7 del Decreto Legislativo 196/03, tra cui quello di ottenere dal Titolare o dal Responsabile del trattamento, la conferma dell’esistenza o meno di Suoi Dati personali e di consentirLe, nel caso, la messa a disposizione.